Call us toll free:
Top notch Multipurpose WordPress Theme!
Slide background

ERSE, Etna DOC Bianco
Sul mercato da settembre 2013

ERSE, Etna DOC, bianco d’entrata della batteria di Fessina, omonimo del Rosso base,
è la versione vinificata un acciaio del Carricante, unito per un 20% a Minnella e Catarratto,
uve indigene etnee dei vigneti aziendali a Rovittello.
Nel nuovo Etna DOC Bianco di Fessina l’intervento del Catarratto e della Minnella integra l’apparato aromatico.
Il frutto e la fragranza esaltano le meravigliose emozioni che dona il Carricante,
così sapido e dall’acidità inconfondibile.
Erse Bianco è, intenzionalmente, un vino fresco, giovane, diretto, dalla grande bevibilità
e l’impronta minerale evidente.
Nasce da un blend di Carricante proveniente da Milo e Santa Maria di Licodìa.

ERSE, Etna DOC_Carricante (80%), Minnella e Catarratto (20%)

Slide background
Slide background
ERSE, Etna DOC Bianco

L’Etna DOC Bianco ERSE è prodotto, tra la vetta dell’Etna e il mare, da Carricante degli alberelli centenari di Milo e Santa Maria di Licodìa. Con aggiunta di uve indigene etnee Minnella e Catarratto, è vinificato in acciaio  e rappresenta la nostra introduzione alle potenzialità di questo vitigno da sempre considerato “gregario di lusso” del Nerello Mascalese nell’uvaggio tradizionale dell’Etna DOC per le notevoli doti di freschezza e longevità.

ERSE Etna Bianco DOC – Note di Silvia Maestrelli

2012

Andamento climatico annata 2012
Inverno molto rigido e con molte precipitazioni fino al mese di marzo, con la parte sommitale del vulcano coperta di neve fino a inizio estate, per nevicate abbondanti anche tardive. Primavera asciutta e mite, estate calda, con solo un temporale a luglio inoltrato, che ha innaffiato i vigneti, dando loro una riserva di acqua che ha permesso di arrivare a settembre con una buona vitalità nelle piante. Settembre è stato anomalo, molto più caldo della media e molto asciutto, così come i primi venti giorni di ottobre, accorciando i tempi di vendemmia di una quindicina di giorni. Questo, da una parte, ha consentito una vendemmia tranquilla, con uva sana, dall’altra ha obbligato ad anticipare di qualche giorno la raccolta.  I vini sono molto sapidi e con tannini molto suadenti. Una buona vendemmia il 2012.

2013

A una primavera asciutta è seguita una estate lunga e non troppo calda Agosto e settembre si sono caratterizzati per abbondanti e inusuali precipitazioni favorendo una maturazione più lenta e graduale per uve sane e di interessante profilo aromatico . A un settembre piuttosto freddo e umido è seguito invece un ottobre di tempo bello e asciutto che ha consentito una vendemmia favorevole con uve sane.

 

2014

Stagione molto bella sotto il profilo climatico : le piogge primaverili e di inizio estate hanno creato una buona riserva idrica che la vite ha sfruttato al meglio per il suo ciclo vegetativo. In estate le temperature sono state nella media stagionale senza picchi di caldo eccessivo consentendo un vegetazione perfetta. Una annata in stile “Etna” che le piogge di inizio settembre hanno aiutato a portare a termine nel migliore dei modi Un ottobre con giornate assolate ha permesso di vendemmiare uve sane e ben mature favorendo la maturazione fenolica dei Nerelli La vendemmia del Carricante si è svoltatra il 15 e il 26 ottobre subito seguita da quella del _Nerello Mascalese

 

2015

L’inverno è stato rigido con molte precipitazioni ( pioggia e neve) fino al mese di Marzo, con la parte sommitale del vulcano coperta di neve fino a tarda primavera,  per le abbondanti nevicate anche tardive. Una primavera con molte piogge e temperature sotto la media ha portato a un germogliamento tardivo e ha favorito lo sviluppo di molte erbe infestanti costringendo a molte ore di lavoro manuale per riuscire a controllarle. La  riserva di acqua accumulata ha permesso però un ottimo sviluppo vegetativo che le alte temperature di Maggio e Giugno hanno sfruttato per una splendida fioritura seguita da una ottima allegagione. La grandinata che si è abbattuta sul vulcano il 9 giugno ha lambito anche i nostri vigneti , che hanno riportato fortunatamente pochi danni limitati alla vegetazione . A inizio luglio l’annata si presenta con ottime prospettive con uve sane, senza attacchi  parassitari.
Ad Agosto, momenti pieni di attesa  dove le buone riserve idriche dovute alle ottime precipitazioni tardo primaverili hanno consentito  ai vigneti di ben sopportare il caldo di luglio.
Il bel tempo di fine luglio e inizio agosto hanno favorito un buon inizio dell’invaiatura , che si è conclusa negli ultimi 10 giorni del mese di agosto.
Le abbondanti piogge di metà agosto sono state tonificanti  per i vigneti , creando una  riserva  di acqua che ha permesso di arrivare a settembre con una buona vitalità nelle piante.
L’abbassamento delle temperature ha consentito una perfetta vegetazione.
A inizio Settembre qualche breve precipitazione seguito da settimane calde e soleggiate, che ha permesso all'uva di arrivare asciutta e sana a piena maturazione.
Vendemmia dell'uva Carricante: 7-8 Ottobre 2015
Vendemmia delle uve rosse Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio: 11-20 Ottobre 2015

2016

Inverno  non molto rigido e con poche precipitazioni ( pioggia e neve) fino al mese di febbraio. Marzo   con molte piogge e temperature sotto la media ha trattenuto la vegetazione che è sfociata però in un germogliamento anticipato ad aprile viste le temperature sopra la media stagionale durante il giorno e fresche la notte. Il clima caldo ha favorito lo sviluppo di molte erbe infestanti costringendo a un duro lavoro manuale per riuscire a controllarle.
L’ultima decade di aprile si presenta con vigneti in ottima salute con tralci più sviluppati della media del periodo.

Produzione Annua

Erse, Etna DOC Bianco, Carricante, Minnella e Catarratto
> da 7.000 a 15.000 bottiglie da cl. 75

Press