Call us toll free:
Top notch Multipurpose WordPress Theme!
Mag
13

“If you can spend a perfectly useless afternoon in a perfectly useless manner, you have learned how to live”.

Lin Yutang

Our ERSE  Red, a blend of Nerello Mascalese and Nerello Cappuccio grown in the vineyards of Contrada Moscamento to Rovittello, it is ideally suited to replace a white wine for the summer.  Featuring a beautiful versatility, Etna Rosso DOC Erse, suitably refreshed, lends itself to many occasions of conviviality and original combinations, even with fish.
Fermentation in stainless steel, ERSE Red keeps the freshness evident, the mineral imprint  and fruit crisp, along with a long finish typical of the vines “Nerello.”

Mag
13

_​Erse, il richiamo del sorgere del sole e della rugiada all’alba.  L’azzurro delle gocce della rugiada. L’azzurro del cielo dell’Etna_

AGRODOLCE  dedica un post ai migliori cinque abbinamenti di TASTE OF MILANO, prestigioso festival enogastronomico nell’ambito del quale la storica Enoteca Trimani di Roma, distributore dei vini di Tenuta di Fessina nella Capitale, gestisce lo spazio dedicato ai winelovers. 



Primo classificato risulta l’abbinamento, ideato dai fratelli Trimani, dello sgombro marinato creato dallo chef Andrea Aprea con l’Etna DOC Rosso ERSE 2012 di Tenuta di Fessina:

”Sgombro marinato, piselli, formaggio di capra, rapanelli di Andrea Aprea del Vun (Milano) con Tenuta di Fessina Erse Etna Rosso doc 2012: l’abbinamento è così particolare che abbiamo chiesto informazioni direttamente a Paolo Trimani. ‘L’etna – ci racconta – è forse il più bianco dei vini rossi, leggero e non molto alcolico. Lo sgombro è invece un pesce che potrebbe somigliare a carne. Questo abbinamento è giocato quindi sull’incontro di due ingredienti di passaggio’. Intrigante”.

Il nostro ERSE Rosso, blend di Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio cresciuto  dai vigneti di Contrada Moscamento a Rovittello, risulta infatti adatto  a sostituire felicemente un bianco per l’estate.  “Un vino del mattino”, l’Etna DOC Rosso Erse,  versatile,  che, opportunamente rinfrescato, si presta  ad originali abbinamenti, anche col pesce, soprattutto nel periodo più caldo dell’anno.  Vinificato  in acciaio, mantiene  evidenti la freschezza, l’impronta minerale e il frutto croccante, insieme all’allungo tipico dei Nerelli.


Mag
13

“I nostri amici finlandesi degustano un carpaccio di tonno rosso locale in abbinamento al mio amatissimo ERSE rosso di Tenuta di Fessina …omaggio alla nostra terra!!!”

(Paolo Trimarchi, patron de L’acquario Degustazione di Giardini Naxos)

Mag
12

– ERSE 2012, Etna DOC Rosso_

“Riaverti così, sentire
in me che tu sei simile
al vento e agli anemoni.
Alle origini. Riaverti
dopo il tempo dell’abbandono
dopo gli oltraggi e l’odio
senza pentimenti, senza perdono.
Sono stato lontano da te
per anni come uno che
vuole essere solo, più
solo di un muro diroccato
più immobile di un sasso
che non lambisce il mare.
Poi abbiamo incominciato a viaggiare.
Dove ci siamo incontrati,
anima?
In che piazza di
città, in che prato,
in riva a che torrente?
E ora sei qui, da sempre
simile al vento, ai fiori, ai vulcani.
Alle origini”.
Giuseppe Conte

Mag
11

_Il Musmeci, Etna DOC Rosso Riserva, annata 2009_

“L’ossimoro del vino. Invecchiando, ringiovanisce; maturando, raggiunge la sua piena vitalità, tramontando, sprigiona nuove, imprevedibili virtù”

Da “Le officine dei sensi. Il corpo, il cibo, i vegetali. La cosmografia interiore dell’uomo”  di Piero Camporesi, Garzanti Editori, 1985

La nuova annata del cru di Nerello Mascalese di Tenuta di Fessina, appena uscita sul mercato, presenta alcuni visibili residui sul fondo. La quercetina, sostanza polifenola che si trova nella buccia delll’uva, invecchiando, si è spogliata. Nel Musmeci 2009, che non subisce filtrazione, appaiono perciò tracce di questi sedimenti appartenenti al gruppo dei flavonoli.  Opportuna decantazione renderà il vino perfettamente godibile, poiché la quercetina non ne altera minimamente il gusto.  Per  i vini “sur lies” la decantazione è sempre consigliabile, affinché nella caraffa rimanga il vino limpido, senza le impurità connaturate a questo tipo di imbottigliamento.

Trattandosi di vini affinati per anni in bottiglia, Tenuta di Fessina considera questo un rischio che è necessario correre.

 

Mag
10

_ Giovanni e Bruno, wine tour a Tenuta di Fessina_

“La cantina è un momento di pausa che la storia si prende, la somma sparsa di piccoli frammenti di tempo che si condensano….”

Eros&Vino di Jean-Luc Hennig

_La bottaia, Giovanni ph._

_ Il palmento, Giovanni ph._

 

Mag
08

_In partenza per Sicilia en primeur 2014! debora ph._

debora, grazie! 
“La gioventù è un’epoca adatta alle generose passioni …”

(Joseph Hergesheimer)

Strawberries cherries and an angel’s kiss in spring
My summer wine is really made from all these things…

Mag
08

_Swim ERSE Bianco 2012 vintage, Etna DOC, blend Carricante, Minnella, Catarratto_

“Happy. Just in my swim shorts, barefooted, wild-haired, in the red fire dark, singing, swigging wine, spitting, jumping, running—that’s the way to live”.
Jack Kerouac

Mag
06

_Winetour&tasting, Tenuta di Fessina. Anne &Peter from Australia. Natalie ph._

Dear Anne and Peter, 

Thanks for your visit to Tenuta di Fessina, we are honored! 
We hope that you retain a good memory of our estate of Mount Etna. 
Thanks again to Christian
:Silvia:
Apr
29

Il confronto con l’altro consente non solo di misurare, ma creare la propria diversità. Le identità non esistono al di fuori dello scambio, e tutelare la biodiversità culturale non significa chiudere ciascuna identità in un guscio, bensì metterle in rete. Conservative ma tutt’altro che statiche, le tradizioni alimentari e gastronomiche sono estremamente sensibili ai mutamenti, all’imitazione, alle influenze esterne. Ogni tradizione è il frutto – sempre provvisorio – di una serie di innovazioni e dell’assestamento che esse hanno indotto nella cultura che le ha accolte (…) Le identità culturali sono tanto più forti quanto più sono aperte all’esterno e inserite in vasti percosri di scambio, di incrocio, di contaminazione “

Da “Il mondo in cucina. Storia, identità, scambi”  a cura di Massimo Montanari, Laterza 2002

_Lola, Graziella, Anna Maria, Elisabetta e tutti gli amici di AIS Emilia, delegazione di Bologna, in visita a Tenuta di Fessina_ 

_Gli effetti benefici del Carricante A’ Puddara ;-) _

_Ricotta infornata_

_Bruschetta all’olio exatraverigine di oliva NEAI prodotto a Noto da Tenuta di Fessina, con origano selvatico raccolto il latitudine sull’Etna_

_Salsiccia  di Linguaglossa lavorata al ceppo e cotta alla brace_

_Arrusti e mangia, Maiale Nero dei Nebrodi. Ai fuochi, Egidio_

_ La pasta alla Norma di Graziella_

_ Il gusto del vino direttamente dove nasce_

_Etna DOC Rossi di Tenuta di Fessina., ERSE 2012 e IL MUSMECI 2008_

_AIS Bologna_

_Felix Wehrle ed i simpatici amici svizzeri_

_Condotti dalla brava Debora, la sommelier Mirai Tzuda e un winelover giapponese assaggiano il Nerello Mascalese  in vigna, tra gli alberelli centenari da cui nasce Il Musmeci Rosso_

_Guy, agente di vendita dell’importatore in UK di Fessina FortyFive10, e Diletta, addetto stampa Tenuta di Fessina_

 

Dedicata a tutti gli ospiti che hanno voluto visitare TENUTA DI FESSINA in questi giorni! A Lola GomarGraziella Rimondi e gli amici di AIS Bologna, Giuliano e Antonella, Felix e i deliziosi winelovers svizzeri, Guy e Chrissi, Debora e Cettina, Egidio e Graziella, Natalie, Mirai e i turisti giapponesi. A tutti tutti tutti!

“…il vino bianco è fresco e va giù bene come questo cielo grande su di noi”. 
Paolo Conte

Presentazione Tenuta Di Fessina 2014